Il Portogallo ha superato la crisi anche investendo sui social

http://www.robertodalessio.net/wp-content/uploads/Electrico-foto-di-Ann-Wuyts.jpg Alla fine del 2013, in piena crisi economica, l’Ente del Turismo portoghese decise d’investire i pochi soldi a disposizione sui social media e sulle sponsorizzazioni tramite Google. Quest’anno il Portogallo sarà una delle principali mete turistiche mondiali.
Nel racconto del cambio di strategia del 2013 dell’ente, redatto delle due giornaliste della rivista portoghese Expresso, c’è un giorno che segna la svolta. L’allora presidente della struttura, Joao Cotrim de Figueiredo, fa appendere molte immagini pubblicitarie dei luoghi turistici del Mediterraneo su una parete. Convoca i suoi collaboratori e li posiziona a qualche metro dalle fotografie. Pone allora la domanda cruciale, ditemi qual è la Turchia in quelle foto. Nessuno riesce ad individuarla e così si convincono che spendere soldi in quel tipo di campagna sarebbe stato solo uno spreco. Troppe immagini uguali tra loro. Nessuno avrebbe notato la differenza.
Da quel momento la struttura pubblica deputata a valorizzare il patrimonio ambientale e di accoglienza del popolo portoghese, decide di investire il 50% del proprio budget nella individuazione di parole chiave da far posizionare nei primi posti dei suggerimenti di Google. Ogni volta che qualcuno fa una ricerca per un posto rilassante, culturale, romantico, per lo Continua a leggere

Quando un foto cambiò la strategia di marketing del Portogallo

Garrett McNamara Nel gennaio 2013 questa fotografia del surfista Garrett McNamara @GMACHawaii fece il giro del mondo. Rappresentava lui intento a cavalcare un’onda di circa 30 metri davanti al faro di Nazarè in Portogallo. 

La foto diventata virale fece comprendere ai governanti locali come si potesse trasformare un’area quasi sconosciuta al mondo del surf, in un luogo rinomato.

Il surfista venne arruolato come testimonial, non senza polemiche visto che non era portoghese, e quelle spiagge sono diventate il luogo più frequentato in Europa dai surfisti di tutto il mondo. Al momento attuale il Portogallo è l’unico paese europeo ad avere tutte le prove delle World Surf League.

Non sono serviti grandi investimenti e bastato comprendere come la diffusione di questa foto Continua a leggere

Interazioni social: Roma batte Parigi 3 a 2

Interazioni social Roma e ParigiDall’analisi dei dati dello scorso maggio 2017 emerge come l’account Facebook di Roma abbia avuto circa il 50% di interazioni in più di quello di Parigi.

Tra gli account delle due capitale esiste una notevole differenza in numero di “mi piace”. Parigi ha avuto sicuramente un maggiore successo per tre ragioni fondamentali. Il fatto che, unico account al mondo, si possa chiamare semplicemente con il nome della città. La quantità di advertising investito da Parigi  per promuovere la loro pagina e la qualità dello staff che cura l’account.

Nonostante questa differenza notevole, lo scorso mese Roma ha avuto oltre 21.000 interazioni a fronte delle 14.400 di Parigi.

Questo vuol dire che i post pubblicati dalla capitale d’Italia sono risultati più interessanti di quelli transalpini.  Ho specificato interessanti e non migliori, perché sui social vale anche la regola dell’interazione dovuta alle critiche.

Tanto è, ma comunque aver raggiunto questo obiettivo indica la possibilità di fare un buon lavoro di interazione con i cittadini. Vero valore aggiunto di un qualsiasi account social di una pubblica amministrazione.

Marco voleva la carta d’identità

QuandoMarco voleva la carta d'identità si dice applicare la “dottrina Gianni Morandi” anche per le amministrazioni pubbliche, rispondere con calma anche alle persone aggressive e apparentemente poco disponibili al dialogo, si devono fare degli esempi concreti.

Marco voleva la carta d’identità, ma i tempi di rilascio della struttura della amministrazione dove si voleva recare erano incompatibili con le sue esigenze.

Si rivolge ai social per sapere se ci sono alternative per ottenere il documento.

Gli viene spiegato che può recarsi presso altre strutture e lui risponde “nervoso” sulle possibili difficoltà.

Una volta però ottenuta l’assicurazione della risoluzione del problema, ci ringrazia e si scusa.

Sembrava mettersi male al’inizio della conversazione e invece siamo riusciti a placare la situazione e a riportarlo su una discussione ragionevole sul da farsi.

La “dottrina Gianni Morandi”, strumento elevato per valorizzare l’interazione con i cittadini, può funzionare anche nelle pubbliche amministrazioni.

Roma: risposte a tutti e rubriche dedicate ai social


Mia intervista dal libro “PA SOCIAL” di Francesco Di Costanzo

https://www.francoangeli.it/Ricerca/Scheda_libro.aspx?ID=23826

Viaggio nell’Italia della nuova comunicazione tra lavoro, servizi e innovazione

Roma: risposte a tutti e rubriche dedicate ai social

Ogni social media manager pubblico che si rispetti ha una battaglia da raccontare per affermare l’importanza della nuova comunicazione nel proprio ente di riferimento. E Roma non poteva fare eccezione. considerata anche la complessità della città e della macchina comunale. Nello stesso tempo la capitale può contare su un patrimonio straordinario di informazioni. immagini. video. che farebbe gola a qualunque social media manager. se non altro per la mole infinita di contenuti da condividere coni cittadini.

Nella storia del rapporto tra il Comune di Roma e i social ci guida Roberto D’Alessio, social media manager e protagonista fin dall’inizio del percorso romano di nuova comunicazione: “La Continua a leggere