Non si sommano i cavoli con le pere

Le città europee su Facebook ultima settimana di novembre 2017Quando imparavamo la matematica ci hanno insegnato che non si possono sommare cavoli con le pere. Anche quando si fanno le analisi degli account social media bisogna ricordarsi la regola di confrontare dati omogenei.

Qualche giorno fa è uscito un articolo su importante giornale nazionale che voleva fare un raffronto sulle attività social nelle città europee.

Secondo l’articolo Roma sarebbe la prima città italiana per attività social, ma dietro le altre capitali europee.

L’immagine allegata, presa dai dati ufficiali di Facebook, evidenzia una realtà ben diversa. Roma è la seconda città, dopo Parigi, nella graduatoria che utilizza un mix di “mi piace” e interazioni, per valutare l’attività su questo social media. Il giornalista che ha scritto l’articolo metteva Roma al sesto posto.

L’autore dell’articolo ha probabilmente confrontato non solo gli account ufficiali delle città, ma tutto quello che in qualche modo poteva essere ricondotto alle attività social nelle capitali europee. Quando tirava in ballo l’account FB della città di Barcellona, che non esiste, avrà forse confuso quello della squadra di calcio. Per Londra e Berlino probabilmente sono stati valutati gli account turistici delle città, invece di quelli ufficiali delle amministrazioni.

Buone anche le performance delle altre principali città italiane, con risultati superiori ad alcune capitali.

Per quanto riguarda Twitter stiamo provvedendo ad una analoga valutazione e presto forniremo i risultati.

Intanto mi preme sottolineare come sia importante valutare bene le attività social di una amministrazione. Confrontando dati omogenei e imponendo un metro di giudizio non solo legato al numero dei seguaci, ma anche al grado di interazione con le persone interessate. le quantità dei “mi piace” contano e sono il primo segnale della buona salute di un account, ma i commenti e le condivisioni sono il vero valore aggiunto della attività social di una amministrazione pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*