Archivi tag: pubbliche amministrazioni

Come usare Snapchat nella pubblica amministrazione

SnapchatSnapchat è ormai una realtà consolidata, specialmente tra i giovani. Spesso i social delle PA fanno fatica a raggiungere questo settore di utenti. Utilizzarlo anche dalle pubbliche amministrazioni può essere un salto di qualità per coinvolgere il complesso dei cittadini.

Come dice @ChiaraDuello “Snapchat è usata dal 31% degli utenti di età compresa tra i 18 e 25 anni, Snapchat si sta confermando ogni giorno sempre di più come una popolare piattaforma social, al pari di Facebook e Instagram”. In un suo interessante e recente articolo (leggi) ha affrontato la possibilità d’uso di Snapchat da parte di una impresa privata. In questo testo provo ad estendere il ragionamento anche nel settore pubblico.

Perchè non usarla nelle PA allora? Molti oppongono un ragionamento semplice e di qualche valore: se un messaggio Snapchat ha così breve tempo di vita, come si concilia con i tempi lenti delle PA? E’ vero che la vita di un messaggio Snapchat è molto breve, ma si può comunque comunicare molte cose in questo modo. Inoltre la ragione fondamentale per essere presenti come PA su questa piattaforma social è legata ai suoi utilizzatori, presenti e futuri.

Molti giovani hanno abbandonato Facebook perchè troppo coinvolgente. Non usano Twitter per le limitazioni all’utilizzo per testi, immagini e video estesi. Inoltre con le limitazioni temporali è possibile non assumersi a pieno la responsabilità di quanto si posta. Queste sono alcune delle ragioni per cui l’incremento degli utilizzatori di Snapchat è così in crescita.

A questo punto proviamo ad ipotizzare alcune ragioni per realizzare un account Snapchat da Continua a leggere

Come fare pubblicità sui social per le pubbliche amministrazioni

Campagne ADSCon molta lentezza comincia a farsi strada l’idea che anche le pubbliche amministrazioni debbano usare le social ADS.. Le campagne di sponsorizzazione sui canali social per attività e/o avvenimenti di interesse pubblico. Nella maggior parte dei casi per gestire campagne di comunicazione, al momento attuale, vengono utilizzati canali consolidati come l’acquisto di spazi sui giornali, l’affissione di manifesti, la distribuzione di locandine, ecc. ecc.. Questi canali sono però molto costosi, vedi l’acquisti di spazi sulla stampa, rispetto ai risultati ottenuti.

Per fare un esempio una campagna con l’acquisto di spazi sulle pagine di cronaca locale di un giornale può arrivare a costare anche 20.000 euro con una resa di cittadini raggiunti stimabile in massimo 30.000 persone. Una campagna ADS invece con circa 50 euro può raggiungere anche 100.000 visitatori. Un rapporto costi/benefici senza paragoni.

Per queste ragioni in molte organizzazioni pubbliche si vorrebbe ricorrere alle sponsorizzazioni sui social, ma ci si riesce?

Li attuali vincoli normativi sono di forte ostacolo a queste iniziative.

In primo luogo la formula di pagamento, l’utilizzo di una carta di credito, non è certo ben Continua a leggere

La Pubblica amministrazione con WhatsApp

WhatsAppCominciano ad estendersi le esperienze delle pubbliche amministrazioni per l’utilizzo di WhatsApp. Non poteva essere altrimenti visto la diffusione del mezzo.

Roma Capitale, Comune di Rimini, Comune di Ciampino, Comune di Ancona, La Polizia Locale di Maranello, La Polizia Locale di Padova, sono solo alcuni delle amministrazioni che hanno iniziato ad usare questo strumento.

Per qualcuno si tratta di un sistema per ricevere informazioni o richieste dai cittadini, altri cominciano a costruire gruppi omogenei per interessi. Non a caso molte delle realtà hanno collegato gli URP, la Polizia Locale o la Protezione civile.

WhatsApp è uno strumento molto semplice da usare. Senza costi e con una diffusione molto estesa. Molti cittadini hanno sostituito il telefono fisso di casa con degli smartphone e in Continua a leggere

WordPressGov un template per amministrazioni pubbliche

WordpressGovDa tempo esiste un template per WordPress dedicato alle amministrazioni pubbliche. Grazie al mio amico Luca Zanelli ho cominciato a studiare questo strumento di sicuro aiuto per strutture medio/piccole.

La potenza di questo template si basa sull’utilizzo di un CMS ormai collaudatissimo e pieno di funzioni eccelenti come WordPress. Il vero punto di riferimento mondiale per la realizzazione di blog o siti anche complessi. La particolarità di questa integrazione è quella di essere stata realizzata negli Stati Uniti a sostegno delle organizzazioni governative.

La svolta imposta dall’attuale Presidente Obama per lo sviluppo tecnologico e l’adeguamento al web 2,0 dell’amministrazione pubblica aveva come necessità quelle di fornire di strumenti Continua a leggere

Periscope è adatto per una pubblica amministrazione?

PeriscopeIn questi giorni siamo in piena periscopemania. Niente di strano se anche per gli account delle pubbliche amministrazioni viene provato l’uso.

Cosa succede nella pratica? Periscope ha alcune caratteristiche obbligate. La registrazione video comincia quando sull’apparato, in genere un telefonino, viene lanciata l’app. Le modalità di funzionamento sono senz’altro molto semplici e questo dovrebbe essere d’aiuto. Viene però richiesta una banda di trasmissione abbastanza potente e libera per ottenere un risultato apprezzabile. Tale condizione non è scontata per esempio in appuntamenti pubblici, dove il gran numero di apparati disponibili potrebbe rendere difficile la trasmissione video.

Altra prerogativa indispensabile è costruire una campagna d’informazione per preparare il momento della trasmissione. Questo appuntamento deve essere però molto preciso sull’orario di avvio della diretta streaming, altrimenti diventa difficile coinvolgere l’utenza.

Sempre al fine di coinvolgere l’utenza dovrebbe partire, almeno per tutti i follower, un avviso di avvio della diretta. Nel caso di luoghi congestionati o di orari particolari, questo non è sempre ottenibile.

La diretta streaming dovrebbe avere anche una forte valenza di coinvolgimento e viene propagandata la possibilità di chattare in diretta con chi segue. Ma pensate sia semplice cercare di mantenere fermo un telefonino che riprende una scena per non farla venire Continua a leggere